Social media: troppi feed e l’indigestione è assicurata

social media troppi feed indigestione assicurata

Negli ultimi anni, l’uso dei social media è diventato sempre più diffuso, offrendo un modo immediato per connettersi con gli altri e condividere esperienze. È importante però considerare l’impatto che questi strumenti digitali possono avere sulla nostra salute mentale. Riguardo le funzioni cognitive, e in particolare l’attenzione, sono numerosi gli studi che hanno indagato questa relazione rilevando un effetto significativo sulle funzioni attentive; più specificamente sulla capacità di mantenere un adeguato livello di concentrazione per tempi prolungati e la capacità di focalizzare l’attenzione.

Uno dei principali fattori che contribuisce a questa alterazione è insito nelle caratteristiche stesse dei social media. I contenuti sulle piattaforme sono progettati per catturare l’attenzione dell’utente attraverso notifiche, messaggi e numerosi feed.

Tali caratteristiche hanno il ruolo di veri e propri “distrattori” che spostano dal focus attentivo di quello che in psicologia sperimentale è definito il compito principale, cioè l’attività che di volta in volta stiamo svolgendo.

Consapevoli di questo, l’azione che si può intraprendere è certamente quella di disattivare le notifiche. Apparentemente il problema della distrazione è risolto, così possiamo andare a controllare i social “solo quando lo vogliamo”. In realtà anche questo è parzialmente vero: se prestiamo attenzione, solo qualche volta, al momento in cui decidiamo di accedere al controllo dei social osserveremmo qualcosa di estremamente curioso.

Solo pochissime volte possiamo scorgere un’autentica e genuina curiosità nel voler verificare cosa succede, raccogliere informazioni sui nostri contatti e curiosare cercando di ampliare la nostra cerchia di conoscenze.

La maggior parte delle volte lo stato di stanchezza, noia, desiderio di vivere una dimensione di “decompressione” dallo stress che schiaccia, è ciò che ci porta al controllo.

È la ricerca di quel piacere effimero del rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore che ci lascia rilassati e contenti.

Nulla di male fino a qua ma la struttura stessa dei social potrebbe però nascondere qualche insidia per il nostro sistema attentivo: video brevissimi, volti sorridenti, musiche suadenti, movimenti coinvolgenti, battute esilaranti, saggezze emozionanti, ricette da provare (che non faremo mai perché non memorizzabili dato il rumore percettivo) e via così, sulla base di quanto più ci piace… per moltissimi minuti, forse ore, fino a quando, dopo un’abbuffata di feed, persino il nostro sistema attentivo cede, e chiudiamo.

Questa continua stimolazione può portare a una diminuzione dell’attenzione sostenuta, che è la capacità di concentrarsi su un compito specifico per un periodo di tempo prolungato.

L’esposizione costante a una vasta gamma di contenuti online, spesso caratterizzati da brevi frammenti di informazioni e da un flusso incessante di notizie, può in effetti rendere più difficile mantenere l’attenzione su un compito specifico o filtrare le distrazioni esterne.

E’ importante sottolineare che gli effetti sull’attenzione possono variare da individuo a individuo e dipendono anche dai modelli di utilizzo dei social media. Alcuni studi suggeriscono che un uso moderato e consapevole dei social media potrebbe non avere un impatto significativo sulle funzioni cognitive.

Evviva i social, dunque, oramai nuova frontiera condivisa della comunicazione e del contatto, che spesso dà anche qualche momento di spensieratezza ma, come la saggezza antica ci ricorda, la moderazione può essere una grande alleata: qualche minuto in meno di feed e un po’ tempo in più sulle pagine di un libro. Chissà che anche l’attenzione ne possa così giovare.

Dott. Matteo Sozzi

Condividi articolo

Ultimi articoli

terapia della luce centro psicologia lecco

La Terapia della Luce

La luce è un importante stimolo per il nostro sistema nervoso e influisce sul rilascio di ormoni e neurotrasmettitori che regolano l’umore.

Approfondisci